Il Castrovillari Calcio del Centenario, in questa stagione alquanto tribolata, sotto molti punti di vista, non è riuscita nell’intento di poter organizzare grosse manifestazioni celebrative per il tanto atteso anno 100, per vie delle restrizioni sanitarie e di distanziamento sociale. Simbolicamente omaggiando con la maglia del centenario i calciatori che hanno guadagnato e calcato la massima serie, ha voluto omaggiare tutti coloro che hanno indossato questa amata e storica casacca rossonera.

Nelle settimane scorse, era stato il turno di Emilio AFFUSO, il classico terzino sinistro fluidificante, purtroppo una consegna a “distanza”, in quanto rimasto nel mondo del calcio dopo essere diventato direttore sportivo con propensione al lavoro di scouting ha avuto esperienze all’estero Oltremanica, in Africa e non ultimo in Spagna ove risiede tutt’ora.

Tante le esperienze anche in Italia con Udinese e Parma, con i ducali per ben 5 stagioni ha ricoperto il ruolo di Chief Scouting. da tempo lavora in spagna dopo la gloriosa carriera sui campi di mezza italia, calcando palcoscenici di primo livello ed indossando anche la maglia della Sampdoria in Serie A, poi ancora Bologna in Serie B e tante altre. Ad Emilio con molto affetto gli e’ stata fatta recapitare la sua eterna “Numero 3”;

Oggi è toccato forse al più celebre e famoso calciatore Castrovillarese, il nostro Tonino ROCCA, a consegnare il presente, ben gradito, il D.G. Esposito Cristiano, che nel pomeriggio ha omaggiato il CT. Selezionatore under 15 della Nazionale con la maglia “Numero 8”, lo stesso numero che ha segnato la sua lunga carriera.

Antonio Rocca debutta nel Castrovillari nelle serie minori, quindi, dopo una parentesi poco felice al Varese dove non riuscì a esordire in prima squadra, riesce a scalare gradualmente la categoria del calcio italiano approdando infine all’Atalanta, con la quale disputò 190 partite debuttando anche in Serie A con 53 presenze e 3 reti in massima serie dal 1977 al 1979.

A Bergamo venne soprannominato Furia, come il celebre cavallo dalla grande corsa.

Dopo alcune stagioni in Serie B (categoria in cui ha totalizzato 216 presenze e 6 reti con Atalanta, Novara e Foggia), concluse la carriera in società delle serie minori del Sud Italia, intraprendendo in seguito la carriera da allenatore ed osservatore delle giovanili della nazionale italiana.

Dal 24 luglio 2006 al 20 ottobre 2010 è stato vice di Pierluigi Casiraghi alla guida dell’Under-20 e Under-21 italiane, prima e dopo di questa importante esperienza Tonino Rocca è punto fermo della FIGC nelle vesti di selezionatore Under 15 della Nazionale.

Nel corso della sua lunga carriera il 1° Maggio 2000, all’epoca selezionatore dell’Under 18, Tonino Rocca fece felici molti suoi concittadini, estimatori e tifosi, la sua Nazionale Italiana affrontò in amichevole, proprio qui a Castrovillari al “Mimmo Rende” la Nazionale  Tedesca di pari età.

Per la cronaca il match finì con la vittoria azzurra  per 3 reti a 2, con le marcature di  Emanuele Calaio’, Antonio La Fortezza ed Andrea Pisanu. Tra gli sbarbati dell’epoca ad indossare la maglia azzurra, oltre ai marcatori, vi erano i vari Marco Amelia, Christian Maggio, Antonio Floro Flores, Alessandro Frara, Paolo Zanetti, Giuseppe Ingrosso, Angelo Iorio, Maurizio Lanzaro, Luca Antonini, Carmelo Avallone, Gimmelli Roberto, Gaetano Grieco ed il cariatese Domenico Maietta.

Giovanni
Giugno 18, 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *